Crea sito

Capelli sani e forti

In questo breve articolo volevo parlarvi di come curo i miei capelli, di ciò che faccio per mantenerli sani e lucenti, ma anche delle mie esperienze personali e dei trucchetti che utilizzo.

Ho sempre avuto molti capelli, non ho mai sofferto di problemi seri, ma tendo ad averli crespi e secchi se non ci sto dietro. Li ho lisci naturali per cui non ho esperienza su come trattare le chiome ricce/mosse, ma in ogni caso molti accorgimenti possono essere utilizzati da tutti.

Ricordate che se il capello è bruciato/increspato vuol dire che la proteina si è denaturata, ed una proteina denaturata non tornerà mai più ad essere quella di prima.
Da quel momento ho iniziato a curare di più la mia chioma, a starci più dietro, ho eliminato piastra e ridotto l’uso del phone, altre ad aver preso degli integratori e prodotti specifici.
A distanza di un anno sono riuscita ad avere di nuovo dei capelli accettabili, ma solo dopo 2/3 anni hanno ripreso ad essere morbidi e lucenti come prima.
Ma vediamo un po’ in cosa consistono le “cure” che riservo alla mia chioma.

10 CONSIGLI E PRECAUZIONI PER AVERE UNA CHIOMA LUNGA, FOLTA E SANA: 

 

1) Tagliare i capelli regolarmente: ciò potrebbe sembrare un controsenso se si aspira ad avere i capelli lunghi, ma è bene non avere doppie punte o capelli eccessivamente danneggiati perché altrimenti si rischia che il danno si estenda anche alle lunghezze. Io consiglio di spuntare i capelli ogni 4/5 mesi, poiché i parrucchieri tendono a esagerare quando gli si chiede di tagliare “solo le punte”, per cui ogni 3 mesi potrebbe essere controproducente, e potreste non veder crescere le vostre chiome.
Inoltre meglio un taglio alla pari o leggermente scalato, perché le forbici per sfoltire o le tecniche per scalare tendono a indebolire i capelli e a svuotare le punte, mentre un taglio netto le preserva di più dalle doppie punte.

2) Evitare il più possibile le fonti di calore: io ho totalmente eliminato la piastra, ad eccezione di rare occasioni, mentre per quanto riguarda il phon consiglio di utilizzarlo ad una temperatura media o, ancora meglio, fredda. In estate riesco anche a non asciugarli, ma in inverno rischierei di prendermi un accidente, per cui scelgo il male minore e li asciugo a temperatura bassa. Consiglio anche di evitare quei trattamenti che per loro natura danneggiano il capello come: pieghe ripetute, stirature chimiche, permanenti. Esistono un sacco di modi per ottenere acconciature ricce o lisce senza l’utilizzo del calore, vi consiglio di cercare dei tutorial in base a ciò che vi interessa, se ne trovano davvero a centinaia.

3) Non fare decolorazioni o tinte chimiche: la decolorazione va a indebolire in modo irreparabile il capello poiché gli toglie strati di cheratina, sopratutto se avete i capelli scuri è assolutamente sconsigliata poiché potreste ritrovarvi con dei capelli bruciati o altamente indeboliti. Io ho anche eliminato le tinte chimiche in favore di quelle naturali, henne ed altre erebette tintorie, ma esistono anche le vie di mezzo come quelle senza ammoniaca che sono più delicate. In ogni caso tenete presente che se schiarite il colore è inevitabile rovinare il capello, e non esistono erbe che schiariscono in modo naturale, al massimo possono dare un riflesso più caldo, ma non andranno MAI a schiarire il vostro colore di base.

5) Utilizzare Henne ed altre erbette curative: l’henné oltre a donare un bellissimo colore ramato/rosso intenso, in base al tipo e alla posa, va ha rinforzare il capello poiché al contrario delle tinte chimiche che lo impoveriscono, la Lawsonia Inermis (Hennè rosso) si deposita sul capello lo avvolge, ispessendolo e proteggendolo, va da se che più fate l’henné più i capelli diventeranno sani e forti.
Oltre all’henné, che consiglio a chi ha i capelli castani o a chi vuole dei riflessi rossi, esistono anche delle erbette che curano il capello senza colorarlo, tra queste ci sono: la cassia e il sidr (Henne neutro) dove la prima a lungo andare può scurire i capelli molto chiari, mentre la seconda non altera assolutamente il colore, il brahmi che va a rinforzare i capelli e a donare più lucentezza, l’amla, il neem, e molte altre erbe ayurvediche di cui trovate una descrizione dettagliata sul sito www.passionehenne.com.
Io ormai faccio l’henné da più di 2 anni e non tornerei mai indietro, mi ha davvero fatto rinascere i capelli, per cui ve lo consiglio vivamente.

6) Non lavare i capelli più di 3 volte a settimana: più li lavate più tenderanno a sporcarsi, per cui meglio lavarli meno e preferire prodotti delicati e adatti al proprio tipo di capello, cercando di fare attenzione che abbiano un buon INCI.
L’INCI è semplicemente la lista degli ingredienti presenti nei prodotti cosmetici, cercate sempre di evitare quelli che contengono: parabeni, petrolati, SILICONI, formaldeide, metalli pesanti, PEG, PPG, MEA e paraffina/oli minerali. Ricordate che nell’INCI gli ingredienti sono indicati dal più presente al meno, per cui se uno degli ingredienti da evitare è alla fine è meno preoccupante che se si trova tra i primi.
Per ulteriori informazioni sull’INCI vi consiglio il BIODIZIONARIO, di cui c’è anche una applicazione per il telefono.

7) Fare almeno 1-2 maschere alla settimana: una per nutrire il capello (N) e una per idratarlo (I), non è necessario spendere soldi in maschere costose, si possono anche utilizzare dei semplici ingredienti come uova, banane, avocado, olio, amido di mais per fare delle maschere homemade. A questo proposito trovate un sacco di consigli e ricette sul sito www.progetto-rapunzel-italiano.blogspot.it e sull’omonimo gruppo su facebook.
Se avete dei capelli fragili o eccessivamente danneggiati è consigliato fare 1-2 volte al mese una maschera ristrutturante (R), l’henné fa parte di questa categoria, mentre per chi non può o non vuole utilizzarlo esistono delle valide alternative in commercio.

8) Rispettare il giusto ordine nell’uso dei prodotti: shampoo, MASCHERA, balsamo, eventuale leave in.
Lo shampo serve per pulire e aprire le squame, la maschera penetra e nutre il capello, mentre il balsamo chiude le squame e districa. Non ha senso fare una maschera e poi lavarla via con lo shampoo, come non ha senso farla dopo aver chiuso le squame con il balsamo. Io di solito lavo i capelli nel lavandino con lo shampoo, applico la maschera, la tengo in posa 10-30 minuti e poi la sciacquo in doccia, così da non prendere freddo.
Il leave in è invece ciò che si mette dopo aver lavato i capelli e non si sciacqua, può essere un olio come quello di lino, di cocco, di mandorle, ecc…, ed in questo caso si consiglia di applicarlo a capelli bagnati, o prodotti specifici (termo-protettore, anti-crespo, gel di aloe per capelli) che si possono applicare anche a capelli asciutti.

9) Investire in una buona spazzola: no alle spazzole di plastica con i pallini, preferite quelle con setole di cinghiale, in legno oppure la tangle teezer (o simili) che è fatta apposta per non spezzare i capelli e aiutarvi a districarli. In ogni caso evitate di spazzolare i capelli bagnati, poiché è il momento in cui sono più fragili e rischiate di spezzarli. Vi consiglio di districarli con le dita, iniziare ad asciugarli e solo successivamente pettinarli.

10) Avere una dieta varia ed equilibrata e valutare la possibilità di integratori specifici: non è necessario mangiare chissà che cosa, l’importante è assicurare una corretta quota proteica, e fare particolare attenzione a coprire i fabbisogni delle vitamine del gruppo B, in particolare biotina e acido folico, Magnesio, Zinco, Rame e Omega 3. Io ho utilizzato un integratore nella fase in cui avevo i cappelli danneggiati e mi ha davvero aiutata, per cui ve lo posso legittimamente consigliare (MSM della long Life), in ogni caso ne esistono di più svariati per ogni tipo di necessità.

Capelli sani e forti ultima modifica: 2018-04-16T15:45:30+00:00 da belleconavon

Leggi Anche:

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, comma III della L. n. 62 del 7.03.2001. Le informazioni tecnico-scentifiche ed i consigli generici su stili di vita e benessere pubblicati attraverso questo blog sono da ricondurre all’opinione di professionisti di settore. Essi non hanno una natura medica in quanto affrontano le tematiche in un’ottica informativa e non risolutiva, pertanto sono da considerarsi generici e non sono attribuibili alle particolari situazioni del lettore. Ad ogni modo si raccomanda la consultazione del proprio medico o di altri esperti sanitari per qualsiasi dubbio o approfondimento. ©Il Materiale sono di proprietà e il copyright dei rispettivi proprietari