Crea sito

Guida agli antiossidanti, cosa sono e come si ultilizzano

Guida agli antiossidanti, cosa sono e come si ultilizzano

 

Prevenire è meglio che curare: non vogliamo violare il copyright di un noto marchio per la cura dei denti, ma bisogna ammettere che mai  fu più veritiero.

In generale è sempre meglio intervenire prima che il danno insorga e prima che sia troppo tardi.

A livello di skincare questa regola è fondamentale: la prevenzione significa adottare strategie mirate che includano la protezione, l’idratazione e l’azione contro i radicali liberi.

Proteggersi equivale schermarsi dai raggi del sole; idratare vuol dire fornire il giusto apporto di acqua alla pelle (dall’interno con cibi e acqua e all’esterno con le creme viso adatte);

nel contrastare i radicali liberi scendono in campo gli antiossidanti, preziosi alleati per preservare la giovinezza della pelle.

I radicali liberi si scatenano in condizioni di stress della pelle, unitamente all’insorgenza di alcuni fattori ad essa nocivi, come stress, smog, fumo e cattive abitudini alimentari.

Sono cellule killer della nostra bellezza e della salute della pelle. E’ contro di loro che intervengono gli antiossidanti: servono ad evitare che le cellule epidermiche vadano incontro ad ossidazione a causa dell’insorgenza dei radicali liberi.

Ecco alcuni degli antiossidanti più comunemente utilizzati in farmacologia e nelle preparazioni cosmetiche:

  • Acido Lipoico (o Acido Tiottico)
  • Bioflavonoidi o (Flavonoidi)
  • Caffeina
  • Carotenoidi (Betacarotene, Luteina, Licopene, Zeaxantina)
  • Coenzima Q-10 (o Ubichinone)
  • Polifenoli
  • Sali minerali (Cromo, Germanio, Molibdeno, Ferro, Rame, Selenio, Zinco)
  • Teina
  • Vitamina A (o Retinolo o Axeroftolo)
  • Vitamine del gruppo B
  • Vitamina C (o Acido ascorbico)
  • Vitamina E (o Tocoferolo)

Cominciate dall’interno, assumendo regolarmente molta acqua, tisane e tea verde, frutta di stagione colorata, verdura non troppo cotta, frutti di bosco e uva.

Evitate l’alcool e gli alimenti troppo conditi, soprattutto se preconfezionati e pieni di conservanti, additivi ed eccipienti per il sapore.

Ovviamente in modo ragionevole: evitarli significa essenzialmente ridurli in modo significativo, non certo privarsene del tutto e per tutta la vita.

Leggi Anche: