Il kombucha: che cos’è e come si prepara

Il kombucha: che cos’è e come si prepara

La bevanda a base di batteri che favorisce il funzionamento del nostro organismo.

Il kombucha è una bevanda che si ottiene dalla fermentazione di tè zuccherato con batteri e lieviti specifici. Le sue origini risalgono alla medicina popolare cinese, fino a raggiungere la Russia, la Germania e l’Europa: di recente ha guadagnato popolarità in tutto il mondo per le sue sorprendenti qualità terapeutiche.

Il kombucha viene preparato mescolando una colonia di batteri e lieviti (acquistabile su internet o reperibile da conoscenti) con zucchero e tè (preferibilmente nero) e facendo fermentare il tutto per circa 10 giorni in condizioni adatte e sterili, cioè in barattoli di vetro coperti da un pezzo di stoffa per evitare contaminazioni: il lievito trasforma lo zucchero in alcool e anidride carbonica, il resto diventa cellulosa che permette la rigenerazione. Il liquido risultante è una bevanda dalle mille proprietà.

Il kombucha possiede proprietà antibiotiche, è cioè un battericida che lavora contro una serie di agenti patogeni. Svolge un’azione disintossicante sulle tossine presenti nel fegato e contribuisce ad espellerle dal corpo attraverso i reni, garantendo anche la salute del pancreas. Contiene quantità abbondanti di acidi organici e potenti antiossidanti contro i radicali liberi e protegge il corpo da malattie ed infiammazioni associate.

Specifici acidi presenti nel kombucha sono efficaci nella prevenzione di vari tipi di cancro tra cui quello al pancreas e al seno. Ancora, ha proprietà antimicrobiche che possono combattere diversi agenti patogeni e proteggere il corpo contro una vasta gamma di microrganismi. Nella cura del diabete, il kombucha è un vero e proprio agente terapeutico naturale che aiuta ad equilibrare i livelli di glucosio nel sangue e a proteggere le funzioni epatiche e renali dell’organismo.

Questo fermentato contiene inoltre glucosammina: benefica nella prevenzione e nel trattamento di tutti i tipi di artrite, contribuisce al mantenimento delle strutture cartilaginee e fornisce sollievo dal dolore. L’acido ialuronico riduce i danni dei radicali liberi e conserva l’elasticità delle articolazioni.


Un altro
vantaggio del kombucha è il fatto che regola i livelli del colesterolo, riducendo l’assorbimento del LDL (il colesterolo cattivo). Combatte le ulcere gastriche grazie alla presenza di fenoli, protegge la salute cellulare, importante per il corretto funzionamento del corpo, rafforza le difese immunitarie ed aumenta i livelli di energia del corpo grazie alle proprietà antinfiammatorie e antimicrobiche. Il kombucha è infine un importante alleato della digestione: grazie al processo di fermentazione legato alla colonia viva di batteri, funziona come un probiotico che aiuta a sostenere la salute dell’intestino e a combattere i disturbi legati ad esso, come costipazione o diarrea.


Il kombucha è una bevanda naturale formidabile per i numerosi benefici che arreca alla nostra salute ma può anche causare reazioni allergiche, tra cui mal di stomaco ed infiammazioni, soprattutto se viene preparato in modo errato o in condizioni poco adatte.

 

Il kombucha: che cos’è e come si prepara ultima modifica: 2017-10-22T07:00:53+00:00 da belleconavon

Leggi Anche:

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all’art. 1, comma III della L. n. 62 del 7.03.2001. ©Il Materiale sono di proprietà e il copyright dei rispettivi proprietari